Consigli & Suggerimenti

Natale con i tuoi, Pasqua con… AMC!

  • Aprile 2022
  • Giulia Benvenuto

Pasqua è alle porte e tra riti religiosi e tradizioni culinarie, questa è la festività per eccellenza da passare con gli amici più cari. Perché, dunque, non far loro il più bel regalo portando sulla tavola pasquale un menu sfizioso cucinato con i prodotti AMC, che li faccia sentire amati e coccolati?

Pasqua: riti e tradizioni culinarie italiane

La Pasqua è, secondo la tradizione cristiana, la festa più importante perché celebra la resurrezione di Cristo. Dopo la fine della Quaresima – i 40 giorni di penitenza – iniziano le vere e proprie celebrazioni pasquali.

È praticamente impossibile citare tutte le tradizioni che accompagnano questo periodo dell’anno, soprattutto se si considera che ogni regione, se non addirittura città, custodisce usi e costumi propri. Possiamo però identificare tre simboli che accompagnano le celebrazioni pasquali in tutta Italia: le uova, l’agnello e la colomba

 

Le uova e gli ziti spezzati

Le uova sono da sempre simbolo di vita e rinascita. Le ricette tradizionali a base di uova sono davvero tante e sfiziose. Basti pensare alla Torta Pasqualina napoletana o i Cuddura cull’ova siciliani. L’usanza di regalare uova di cioccolato, invece, è relativamente recente e si deve ad un’azienda dolciaria inglese, la Cadbury. È quindi da inizio secolo che la tradizione inizia a diffondersi oltre Manica, conquistando anche il Bel Paese. L’idea di aggiungere una sorpresa all’interno delle uova porta invece la firma del famoso orafo Fabergé che, rifacendosi alla tradizione russa delle matriosche, realizzò per la zarina Maria di Russia un gioiello a forma di uovo che conteneva una seconda sorpresa.

Realizzati con o senza le uova, gli ziti spezzati sono un must nel nostro menù pasquale. Scopri qui la nostra ricetta realizzata con i prodotti AMC!

 

L’agnello pasquale

L’usanza di mangiare l'agnello deriva dalla tradizione ebraica del Pessach ed assume poi il simbolo di sacrificio. La gastronomia italiana ci regala una gran varietà di piatti: dall’abbacchio a scottadito della cucina romana, all’agnello al forno pugliese, oppure a quello con piselli e uova della tradizione napoletana. Senza contare le costolette d’agnello impanate al forno oppure fritte, l’agnello con i carciofi, l’agnello al forno alla sarda oppure lo spezzatino d’agnello alla cacciatora toscano.

Noi vogliamo deliziarvi con il nostro agnello pasquale con patate cucinato con AMC

La colomba e i coniglietti di Pasqua

Non esiste famiglia italiana che non finisca il pranzo di Pasqua con una bella fetta di colomba, simbolo di pace e di amore. Ma quali sono le origini di questo dolce? Impossibile dirlo con certezza! Dietro alla nascita di questa prelibatezza italiana ci sono diverse leggende ed interpretazioni.

Tra le tante, quella della regina longobarda Teodolinda. Si narra che intorno al 610 la regina abbia accolto l’arrivo a corte di San Colombano con un banchetto degno di un re. Trattandosi però di periodo di Quaresima e digiuno, il santo si trovò obbligato a declinare il dono e, per non offendere i sovrani, trasformò i piatti che imbandivano la tavola in bianche colombe di pane.

La seconda leggenda ha la Pavia longobarda come scenario ai tempi del re Alboino che, dopo tre anni di guerra, conquistò la città. I Pavesi, per evitare la sua furia, confezionarono dei soffici dolci a forma di colomba. Un gesto di pace che, secondo la leggenda, evitò il saccheggio e valse a Pavia il titolo di capitale del neonato regno.

Ma la colomba che noi oggi conosciamo ha origini molto più recenti. Siamo nella Milano degli anni ’30 dove il pubblicitario Dino Villani pensò ad un dolce che potesse sostituire il panettone durante i mesi primaverili.  

Perché non affiancare a questo dolce dei deliziosi coniglietti? Questi dolcetti di pasta lievitata, faranno un successone tra gli ospiti.
Leggi qui la ricetta!